Il ruolo dello sport come strumento di attuazione di politiche sociali

Parabiago, 1° febbraio 2023 – Rugby Parabiago Cares, in collaborazione con OPES Lombardia 3° Settore e con il patrocinio dei Comuni di Parabiago e Legnano, ha ospitato ieri sera nella Sala Polivalente del suo Centro Sportivo l’incontro informativo gratuito: “Sport e Terzo Settore”, un’occasione per approfondire il ruolo dello sport come strumento di attuazione di politiche sociali di terzo settore insieme a Donato Foresta e Claudio Massa.

Un incontro in cui sono stati toccati temi molto interessanti in virtù del rapporto sempre più intenso tra il mondo dello sport e del terzo settore. Un tema attualissimo, stante anche la riforma del terzo settore che sta ridisciplinando il no profit e l’impresa sociale.

Graditissimo ospite della serata Maurizio Vancini, Presidente del Comitato Regionale Lombardo, che ha ringraziato il Club per il lavoro sportivo e sociale costantemente svolto, che rende Rugby Parabiago un’eccellenza a livello nazionale nel mondo del rugby e dello sport in generale.

Interessanti gli spunti lanciati da Donato Foresta, dottore commercialista e docente della scuola regionale dello sport del Coni su sport, terzo settore e fiscalità. Un invito alle ASD che volessero entrare in modo più consistente nel terzo settore ad attendere la concretizzazione delle riforme, per meglio gestire sport e sociale. Non sono ancora risolti, infatti, alcuni nodi fiscali che necessitano di ulteriori chiarimenti per non andare a gravare pesantemente sulle realtà sportive.

Claudio Massa, Responsabile 3°settore OPES Lombardia e membro della Commissione Innovazione Sociale Coni Lombardia, nonché fondatore de l’Orma, ha poi approfondito i temi legati all’innovazione sociale, entrando nello specifico del progetto “Coach di Quartiere”.

Il progetto che Rugby Parabiago Cares sta portando sul nostro territorio, già avviato a Lodi e a Dalmine, è patrocinato dal Comune di Parabiago e di Legnano e porterà gratuitamente gioco e sport all’aria aperta a favore di bambini e famiglie del territorio che non possono, per svariate ragioni, fare sport. Il progetto, che si svolgerà in quattro parchi nei due Comuni interessati, partirà nel mese di marzo. Sarà gestito da giovani volontari tra i 17 e i 25 anni degli Istituti Superiori Barbara Melzi e Maggiolini, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro. Inclusione sociale, quindi, ma anche cittadinanza attiva, i capisaldi del progetto.

La formazione dei coach di quartiere ha già avuto inizio: se ne contano 23 sul nostro territorio, ma le candidature sono sempre aperte.

Domani 2 febbraio alle ore 18:30 in Comune a Parabiago ci sarà la presentazione del progetto agli stakeholder. Il 17 febbraio sarà la volta di Legnano.